Signa

Signa: protesta a San Piero. Il sindaco Cristianini, “il progetto per la sicurezza sta andando avanti”

San Piero a Ponti via pistoiese 0037SIGNA – Il sindaco Alberto Cristianini definisce “non comprensibile” l’atteggiamento di quanti sno tornati a protestare con gli striscioni, lungo via Pistoiese a San Piero a Ponti, per lo stato di insicurezza della strada.
Il sindaco spiega che “gli impegni sottoscritti fra le amministrazioni comunali di Signa e Campi Bisenzio e la Provincia di Firenze stanno procedendo secondo il normale iter. Nei prossimi giorni il progetto sarà portato all’esame delle commissioni edilizie dei due Comuni dopodiché seguirà il passaggio dalle giunte comunali per l’approvazione. Esaurita questa fase gli uffici comunali provvederanno ad attivare le procedure di gara per l’affidamento dei lavori”.
CIMG6154Il riemergere della protesta, secondo Cristianini, è “ingiustificata, in quanto il percorso amministrativo sta procedendo regolarmente nella direzione desiderata. Come già più volte evidenziato in altre occasioni di dibattito e di confronto con i cittadini, ricorda che nessun progetto era stato previsto in quell’area”.
La ex SS 66, di proprietà regionale non comunale, è in gestione alla Provincia di Firenze. Nonostante ciò il progetto definito per la sicurezza è stato finanziato e a beneficiare degli interventi sulla strada regionale saraà la comunità residente.
“Il sindaco Cristianini, rivolgendosi ai quei cittadini che mettono in dubbio l’operato della pubblica amministrazione – annuncia una nota emessa oggi – si rende disponibile, previo appuntamento, a dialogare per approfondire l’argomento”.

Annunci
Standard
Signa

Signa: ampliato l’impianto idrovoro di Castelletti

signa cristianini paoli impiantoSIGNA – La sicurezza idraulica della Piana fiorentina e, più in generale, di tutta l’area metropolitana si arricchisce di un altro, importante tassello. Il Consorzio di bonifica Ombrone Pistoiese e Bisenzio ha inaugurato infatti stamani l’ampliamento dell’impianto idrovoro di Castelletti (comprensivo della ricalibratura dell’alveo dell’Ombrone). Ma il taglio del nastro ha riguardato anche la realizzazione della cassa di espansione a Ponte a Tignano oltre all’adeguamento funzionale (la cassa di espansione) della Gora Mazzoni. Questa la spiegazione “tecnica” della mattinata: in altre parole, quello che si è svolto a Castelletti è stato il primo atto di una giornata (“Il Consorzio di Bonifica Ombrone Pistoiese e Bisenzio tra passato, presente e futuro” il tema scelto) che si concluderà nel signa impianto castellettipomeriggio alle Scuderie Medicee di Poggio a Caiano con un convegno a cui è prevista la partecipazione, fra gli altri, di Gaia Checcucci (segretaria dell’Autorità di bacino del fiume Arno) e dell’assessore regionale all’ambiente Annarita Bramerini. Non a caso, l’impianto di Castelletti, situato fra Signa e Comeana, contribuisce a mettere in sicurezza una vasta zona, compresa quella di Candeli, a Poggio a Caiano, dove nel 1992 la sponda dell’argine cedette e gran parte del comune mediceo rimase alluvionata. Fra i presenti, oltre al padrone di casa, il commissario del Consorzio di bonifica Ombrone Pistoiese e Bisenzio, Paolo Bargellini, i sindaci di Signa e Poggio a Caiano, Alberto Cristianini e Marco Martini, il presidente della Provincia di Prato Lamberto Gestri (il presidente della Provincia di signa (14)Firenze, Andrea Barducci, sarà presente al convegno alle Scuderie Medicee), l’assessore provinciale all’ambiente Renzo Crescioli, il presidente del Consorzio di bonifica dell’area fiorentina, Marco Bottino, gli assessori signesi a viabilità e ambiente, Adriano Paoli e Federico La Placa, e l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Campi Bisenzio, Silvio Betti. Tanti i temi trattati, con la sicurezza idraulica del territorio a farla ovviamente da padrona. L’impianto di Castelletti, infatti, realizzato con il contributo della Regione, delle Province e dei Comuni direttamente interessati, è uno dei più moderni del territorio, con la sua capacità di sollevamento di 13 metri cubi e mezzo al secondo, la possibilità di essere “telecontrollato” anche solo con l’utilizzo di un semplice telefono cellulare e “l’input” di dare via al pompaggio delle acque soltanto quando il processo naturale in pratica non funziona più. In una zona in cui confluiscono diverse “gore” e che vedrà la massima potenzialità di funzionamento nel 2014. “Purtroppo – ha detto il sindaco di Signa, Alberto Cristianini – spesso non ci si rende conto dell’importanza dei lavori fatti negli ultimi vent’anni in tutta la zona. Basti pensare al milione di euro speso per la messa in sicurezza dell’Ombrone e al milione e mezzo di euro speso invece per la sicurezza del Bisenzio”. Concetti ribaditi dal sindaco di Poggio a Caiano, Marco Martini, che ha aggiunto: “Sottolinerei inoltre, proprio in un’ottica di sinergia, il ruolo fondamentale delle Province, che ancora una volta hanno dimostrato tutta la loro attenzione al territorio di riferimento”. “Siamo di fronte – ha detto Marco Bottino – a un ottimo esempio di politica idraulica sull’area vasta auspicabile anche per il futuro”. Infine, il direttore del Consorzio, Cecchi De Rossi: “In futuro potremo fare investimenti nel settore idraulico solo se si allenta il patto di stabilità”.
Pier Francesco Nesti

Standard
Calenzano

Calenzano: sicurezza, il sindaco Biagioli risponde al Gruppo della libertà

biagioli 7CALENZANO – Non si è fatta attendere la risposta del sindaco Alessio Biagioli alle affermazioni di Mauro raspanti e Anzio Settimelli (Gruppo della libertà) dopo il loro intervento su piananotizie.it sulla mancata approvazione della loro mozione sulla sicurezza presentata in consiglio comunale.

“Se vogliamo parlare di ipocrisia – asserisce il sindaco Alessio Biagioli – mi sembra più ipocrita chi dà ricette vaghe e false illusioni ai cittadini. Io non ho mai detto che il problema non esiste. Ho semplicemente ricordato le azioni promosse dal Comune, soprattutto in campo di educazione alla legalità e prevenzione, ma anche con l’aumento dei turni serali della Polizia Municipale e l’incremento della videosorveglianza. Ed ho detto che oltre questo il Comune non ha né i poteri né gli strumenti per intervenire, rimandando invece ad un’azione da parte del governo nazionale. Se poi i consiglieri Raspanti e Settimelli hanno idee chiare e proposte concrete sulla legalità, sono invitati, come tutti i cittadini, a partecipare agli incontri che promuoviamo. A partire da quello con Don Luigi Ciotti. Magari potrebbero trovare spunti interessanti e capire che la legalità non si limita ai furti in appartamento. Speriamo che in questo contesto elettorale, i cittadini valutino liste pulite e che in questa stagione di legalità possa insediarsi il nuovo Parlamento”.

Standard
Calenzano

Calenzano: sicurezza. Scontro tra Gruppo della libertà e centrosinistra in Consiglio

mauro raspantiCALENZANO – Commento al vetriolo da parte di Mauro Raspanti e Anzio Settimelli (Gruppo della libertà) a seguito della discussione, avvenuta in consiglio comunale, una mozione presentata dal gruppo sulla sicurezza con la quale si “richiedeva un impegno al sindaco nel fare più di ciò che fino ad oggi e stato fatto”.
“La mozione per nostra grande sorpresa – si legge in una nota del Gruppo della libertà – non e stata votata dalla maggioranza che ha addotto scuse del tipo i furti non sono giornalieri. Anche un furto solo dovrebbe mettere in allarme. Il sindaco ci ha detto di non poter fare promesse che non può mantenere in materia di sicurezza”.
Secondo Raspanti e Settimelli la maggioranza ha perso l’occasione per lanciare “un segnale che le istituzioni si stavano impegnando per arginare tale fenomeno, invece hanno votato a sfavore come se la sicurezza del territorio fosse poco rilevante”.
Proprio in queste ore don Luigi Ciotti avrebbe dovuto partecipare ad un’iniziativa sulla legalità promosso a Calenzano e Raspatni e Settimelli non perdono l’occasione per ricordare che “la maggioranza di centrosinistra locale ha votato contro un documento che chiedeva legalità e sicurezza”.
“Sarebbe meglio che sindaco e consiglieri di maggioranza – concludono i due consiglieri di opposizione – si comportassero con meno ipocrisia. Noi siamo coscienti del mandato ricevuto, e ci impegneremo nel rispetto e per il rispetto della legge”.

Standard
Campi Bisenzio, Signa

Campi Bisenzio: continua la protesta dei residenti di San Piero a Ponti

CIMG6154CAMPI BISENZIO – Ancora striscioni di protesta a San Piero a Ponti esposti dai residenti lungo via Pistoiese per attrarre l’attenzione sull’annoso problema non risolto sul traffico caotico e sulla grande pericolosità della strada. La porotesta per sottolineare le problematiche relative ai numerosi incidenti, alcuni mortali, registrati negli ultimi anni. La porotesta, dicono, a seguito del silenzio delle amministrazioni comunali di Signa e Campi Bisenzio che, dopo varie assemblee pubbliche e promesse fatte sull’adeguamento della circolazione, a mesi di distanza non hanno ancora realizzato interventi concreti tanto da far tosnare in primo piano la protesta.

R. V.

Standard
Sesto Fiorentino

Sesto Fiorentino: l’Associazionismo lancia una sottoscrizione a premi per acquistare un defibrillatore per la piscina

biglietti lotteria 003SESTO FIORENTINO – “Dai una scossa alla vita” è un invito dell’Associazionismo sestese per sostenere l’acquisto del defibrillatore per la piscina comunale. Con 2 euro, infatti, si può acquistare un biglietto della sottoscrizione a premi che permette di vincere premi quali un televisore, un corso in palestra o in piscina, libri, ingressi al cinema e una cena e nello stesso tempo dare una mano sforzi damianoall’acquisto del defibrillatore. “Anche se non è ancora previsto per legge – spiega il presidente dell’Associazionismo sestese Damiano Sforzi – abbiamo deciso di dotarci di un defibrillatore in piscina. Siamo molto sensibili alla sicurezza all’interno delle nostre strutture tanto che i nostri istruttori stanno già seguendo un corso di formazione per l’utilizzo dell’apparecchio”. Il costo di un defibrillatore, spiega Sforzi, è di poco più di mille euro, ma oltre all’acquisto dell’apparecchio l’Associazionismo deve sostenere la spesa per la preparazione del personale per l’utilizzo dell’oggetto. “Sono un’ottantina circa gli istruttori della piscina e delle palestre che devono essere formati – dice Sforzi – e per loro il corso per l’utilizzo del defibrillatore sarà gratuito e al termine del corso verrà rilasciato dall’Associazionismo un titolo”. Il corso si svolgerà alla Misericordia di Quinto e gli istruttori saranno pronti per l’arrivo dell’apparecchio previsto per i prossimi mesi.
Per sostenere l’acquisto del defibrillatore per la piscina è stata avviata una sottoscrizione a premi con il contributo della sezione soci Coop Sesto Fiorentino e Calenzano, del Bar Ristorante Pizzeria Sarzolo, della Libreria Rinascita, del Multisala Grotta e della Misericordia di Quinto.
I biglietti si trovano alla piscina dell’Associazionismo e alla Misericordia di Quinto. E.A.

Standard
Campi Bisenzio

Campi Bisenzio: Gandola (Pdl) raccoglie firme per la sicurezza tra i cittadini al mercato di Capalle

paolo gandola 2012CAMPI BISENZIO – Il Pdl campigiano ha raccolto, questa mattina, adesioni alla petizione al Prefetto per assicurare più sicurezza in città. La raccolta è stata effettuata al mercato settimanale di Capalle dove, il candidato alla Camera per il Pdl Paolo Gandola ha avuto modo di incontrare i cittadini.
“Anche in questa campagna elettorale – dichiara Gandola in una nota – noi tutti ci stiamo mettendo la faccia. Mi preme ringraziare i tanti cittadini e i tanti elettori che anche oggi al mercato di Capalle oltre a complimentarsi con noi ci chiedono un sempre maggiore impegno da parte nostra. Per quanto possibile daremo come sempre il massimo”.

Standard