Cronaca, Signa

Signa: nuovo furto di rame in via Argine Strada, 18 lampioni spenti. Appello agli automobilisti: “Guidate con prudenza”

cavi di rameSIGNA – Ancora un furto di cavi di rame in via Argine Strada a poche settimane da uno analogo che aveva messo al buio 8 lampioni. La scorsa notte ignoti hanno rubati altri 300 metri di cavi di rame mettendo al buio altri 10 lampioni dell’illuminazione pubblica. Il danno ocmplessivo, a questo punto, supera i 30mila euro e l’amministrazione comunale non è in grado di intervenire nell’immediato. L’assessore Adriano Paoli lancia un papello agli automobilisi: “guidate con estrema prudenza – dice – tra l’altro la strada è pericolosa e con la mancanza di 18 punti luci la cosa diventa davvero seria”.

Alcuni quesiti sono comunque legittimi: innanzitutto il furto (300 metri di cavi elettrici significa 2700 metri di anima di rame) non può essere stato effettuato da una sola persona visto che il materiale pesa notevolmente. E anche il tempo per effettuare il furto non può essere stato di pochi minuti vista la necessità di staccare i cavi dai lampioni e tirarli fuori dagli alloggiamenti sotterranei. Infine, per ottenere il rame i ladri dovranno disfarsi (probabilmente bruciandola) della plastica che li avvolge problema di non poco conto anche sotto il profilo ambientale.

D. C.

Annunci
Standard
Cronaca, Sesto Fiorentino

Sesto Fiorentino: furto di rame sul tetto della chiesa di Santa Croce a Quinto Basso

SESTO FIORENTINO – Continuano i furti di rame. Ad essere preso di mira dai soliti ignoti, questa volta, le guarnizioni del tetto della chiesa di Santa Croce a Quinto. Il furto si è verificato lunedì scorso, ma solo il giorno dopo il parroco don Giacomo si è accorto dell’accaduto. I ladri con una certa agilità sarebbero saliti sul tetto, e sulla parte posteriore della chiesa che si affaccia su via Gramsci, hanno asportato una parte delle guarnizioni in rame. Già in passato si era verificato, ricorda il parroco, un analogo furto di rame sul tetto della chiesa. La denuncia è stata presentata al commissariato di Sesto Fiorentino.

Standard
Cronaca, Sesto Fiorentino

Sesto Fiorentino: la ex caserma Quarleri e l degrado che avanza

SESTO FIORENTINO – L’ex caserma Quarleri di via Madonna del Piano a Sesto Fiorentino è dismessa da decenni ed ogni giorno il degrado avanza. La ex caserma (era stata anche poleveriera e magazzino di materiali dismessi dell?Esercito) è divenuta base per il recuperodi  rame probabilmente di dubbia provenienza. Degrado è evidente su tutta la struttura, muri pericolanti ,vetri rotti, controsoffitti cadenti,e tanti,tanti cavi che servono per la trasmissione della correnteelettrica  sparsi dappertutto e svuotati dalla loro anima di rame,e tutto questo nell’area del Polo Scientifico.

Le immagini in esclusiva sono di Roberto Vicario.

Standard
Cronaca, Signa

Signa: ignoti rubano 250 metri di cavi di rame. E mettono al buio 8 lampioni di via del Casone

SIGNA – Circa 250 metri di cavi in rame per l’elettrificazione di 8 pali della luce lungo via del Casone sono stati rubati alcune nottate fa. Il furto sarebbe stato commesso tra il 30 settembre e il 2 ottobre quando i tecnici del Comune si sono accorti che la strada fosse al buio. In un primo momento si è pensato ad un guasto ma solo il 4 ottobre si è stati certi che i lampioni non funzionvano perché qualcuno aveva sfilato via i cavi in rame che portano l’energia ai pali. Il danno ammonterebbe tra i 10 e i 12mila euro. L’amministrazione comunale ha provveduto a denunciare il fatto al locale comando dei carabinieri ma, nell ostesso tempo, invita gli automobilisti e i motociclisti a fare molta attenzione nella guida nottruna. “E’ un tratto di strada assai pericolosi – spiega l’assessore Adriano Paoli – cercheremo di provvedere al ripristino dell’illuminazione appena possibile anche se la cifra necessaria crea non pochi problemi al bilancio comunale. Chiediamo a tutti i cittadini di fare molta attenzione in quel tratto di strada che dovrà essere affrontato a velocità ridotta”.

Il furto dei cavi di rame è ormai una spina nel fianco: colpiti i cimiteri e gli edifici pubblici d adove si portano via caditoie e grondaie, non vengono rispriamti i cantieri ferorviari e neanche quelli edilizi. Adesso si è iniziato a colpire le linee di illuminazione pubblica.

Standard
Sesto Fiorentino

Sesto Fiorentino: arrestati per furto di rame

SESTO FIORENTINO – Stavano rubando le grondaie in rame da una casa di via dei Giunchi quando sono stati scoperti da un residente che ha avvertito il 112. I due, rumeni di 25 e 35 anni, sono stati arrestati la notte scorsa dai carabinieri del Nucleo operativo e Radiomobile della Compagnia di Signa.

Gli uomini, pregiudicati e senza fissa dimora, stavano agendo indisturbati nel giardino condominiale dove, approfittando dell’orario notturno, stavano asportando delle grondaie in rame dal tetto di un’immobile. Quando si sono accorti del sopraggiungere della pattuglia, chiamata da uno dei residenti, sono scappati a piedi. I militari li hanno inseguiti bloccandoli poco dopo. I due rumeni, arrestati e trattenuti in camera di sicurezza, dovranno rispondere di furto aggravato in concorso e di violazione di domicilio.

 

 

 

Standard
Cronaca, Sesto Fiorentino

Sesto Fiorentino: fuochi nella notte alle ex Cave di Isola per sciogliere la plastica dei cavi di rame

SESTO FIORENTINO – Da giorni un gruppo di sconosciuti frequenterebbe l’area delle ex Cave di Isola (ovvero il parco ricavato nell’ex cantiere Cavet dell’Alta velocità sulle falde di Monte Morello) dove sarebbero soliti dare fuoco a cavi elettrici per ricavare il rame interno dopo aver sciolto la copertura rotettiva.

Alcuni lettori di Piananotizie hanno documentato i resti di tali operazioni attraverso una serie di foto che sono state passate anche alle forze dell’ordine. Il loro timore non è solo il fatto che si stia compiendo un reato (evidentemente sciogliere la plastica per recuperare il rame ninet’altro sarebbe che la fase finale di un atto criminoso, ovvero il furto dei cavi stessi) quanto il pericolo che tale azioni possono rappresentare per l’ambiente (anche a causa dell’inquinamento da diossine) visto che la vegetazione è secca dalla siccità che perdura da mesi e che il parco si trova ai margini della parte boscata del monte.

Standard
Cronaca, Sesto Fiorentino

Sesto Fiorentino: rubano cavi elettrici, denunciati dalla Polizia

SESTO FIORENTINO – Due rumeni sono stati denunciati dalla Polizia perché trovati in possesso di circa 20 chili di cavi elettrici in rame di provenienza furtiva. I due, di 30 e 15 anni, sono stati incrociati attorno le 16.50 di lunedì 6 agosto in via Majorana all’Osmannoro. Erano in bicicletta e portavano ciascuno un sacco. Alla vista di una volante del locale commissariato, i due hanno tentato di fuggire aumentando la padalata ma sono stati bloccati dagli agenti poco lontano. Una volta fermati, addosso ai due, i poliziotti hanno trovato anche una sacca con dentro cacciaviti, coltelli e una mannaia con una lama da 31 centimetri. Una volta condotti al commissariato di via Gramsci tutto il materiale è stato sequestrato. I due rumeni, che non sono parenti, senza fissa dimora e nullafacenti, incensurati, sono stati denunciati per ricettazione e porto abusivo di materiale atto allo scasso e ad offendere. Intanto gli agenti del locale commissariato sono impegnati nel ricercare le vittime dei furti visto che pare si trattino di cavi elettrici diversi fra loro per colore, forma e dimensione. Probabilmente sono provenienti da luoghi diversi ma non ci sarebbero ancora denunce per furti o danneggiamenti.

Standard