Sesto Fiorentino

Sesto Fiorentino: i soci pagano, ma sono senza casa

manta sociSESTO FIORENTINO – Il sogno di una vita, quello della casa, rischia di svanire per un centinaio di famiglie che hanno scelto anni fa di affidare il proprio desiderio ad una cooperativa.  Oggi quelle famiglie si sentono “prese in giro” e quel sogno è diventato un incubo: dopo avere investito tutti i risparmi per acquistare un alloggio rischiano di non poterne entrare di fatto in possesso. E’ il paradosso delle realizzazioni nell’area del Pl1, Pl13, in via della Pace e Largo Capitini dove sorgono i palazzi della cooperativa Manta. “A raccontare la nostra storia un po’ proviamo vergogna – dice uno di loro – ho pagato per un appartamento di due stanze, circa 40 mq con terrazzo e garage 230mila euro compreso Iva e le spese del notaio dal quale non siamo mai andati perchè mai chiamati, senza rogito. Questo è quanto ho pagato nell’agosto del 2011 e continuano a chiedermi soldi. Devo pagare prima che mi portino via la casa”.manta case C’è chi la casa l’ha acquistata una decina di anni fa, si era iscritti in cooperativa, insieme alla fidanzata di allora per una casa da giovane coppia. Oggi i due sono sposati ma vivono nel terrore che da un momento all’altro non possano più entrarci. Senza nessun atto legale, dicono, temiamo che quello che abbiamo pagato non serva a nulla. Una signora è preoccupata del tempo che passa e chiede: quando ci siamo iscritti in cooperativa avevo quarantanni oggi ne ho dieci di più e mio marito è più anziano, riusciremo mai ad avere il mutuo? “Queste case costavano 2.200 euro al mq oggi ne costano circa 3.700 mq quasi quanto a Querceto e a Doccia – dice Marcello Massi consigliere comunale del Pdl ma anche socio della cooperativa Manta – inoltre questa zona che nelle intenzioni del Comune avrebbe dovuto essere una residenza con aree verdi è diventata un luogo abbandonato. Alcuni palazzi sono terminati, altri sono rimasti a metà, e il giardino previsto davanti alle case non si farà più verrà spostato sul viale Ariosto”. massi pdlIl consigliere Massi tornerà ad affrontare in consiglio comunale la condizione di chi ha versato soldi per l’acquisto della casa, ma ancora non ne è il proprietario mentre continua a sostenere il costo dell’alloggio. Al consiglio di martedì prossimo presenterà una interrogazione per chiedere “quali provvedimenti intende o può adottare l’amministrazione comunale per evitare che oltre 500 famiglie vengano a trovarsi senza più risparmi e senza abitazione”. Inoltre Massi chiede se è intendimento dell’amministrazione comunale “la costituzione di parte civile negli eventuali procedimenti legali che i soci intendono portare avanti al tribunale, nei confronti del consiglio direttivo della società cooperativa edile Manta”.

E. A.

Annunci
Standard
Campi Bisenzio, Cronaca

Campi Bisenzio: rinviato uno sfratto. Rifondazione, “è il risultato dell’azione del Gruppo casa”

casa studente 001CAMPI BISENZIO – Doveva essere eseguito questa mattina uno sfratto a carico di una famiglia di San Donnino ma l’ufficiale giudiziario, nonostante si trattasse di uno sfratto per morosità. Ha concesso una proroga fino ad aprile prossimo.
Il Gruppo casa di Rifondazione comunista di Campi, dando appuntamento alla prossima riunione che si terrà mercoledì 13 febbraio alle 18.30 al circolo Rinascita di piazza Matteucci, commenta la notizia come un risultato positivo del loro impegno perché non si abbatta sulle famiglie di chi ha perso il lavoro anche il terrore dello sfratto.
A Campi, annuncia l’assessore Piernatale Mengozzi, da qui a maggio sono circa 35 gli sfratti in programma per la massima parte per morosità.
“E’ una situazione che si sta aggravando perché molti perdono il lavoro e non sono più in grado di pagare l’affito – dice Mengozzi – come amministrazione comunale siamo in difficoltà anche per la scarsità di risorse disponibili anche se cerchiamo di fare il possibile”. Gli sfratti in programma in questo periodo, si apprende, sarebbero tutti suscettibili di proroghe a causa della concomitanza con il periodo elettorale. Ciò, comunque, non significa la cancellazione del problema.
Secondo Rifondazione, tuttavia, a Campi vi sarebbero una grande quantità di alloggi sfitti e liberi sin da subito che l’amministrazione comunale potrebbe prendere in carico per alleviare la situazione delle famiglie già subiscono la crisi.
D. C.

Standard
Sesto Fiorentino

Sesto Fiorentino: difficoltà per i soci della coop Manta, ancora non sono stati fatti i rogiti per una cinquantina di alloggi

gru casa manta 531SESTO FIORENTINO – Sembrava fosse in via di soluzione la vicenda delle case della cooperativa Manta di via della Pace nella zona compresa tra via Pasolini e il Polo scientifico. Ma i problemi, come spiegano alcuni residenti, ci sono eccome. E sarebbero legati alla gestione complessiva della cooperativa senese che, da anni, opera anche molto al di fuori della provincia originaria.

La vicenda che ci raccontano risale al 1997 quando la famiglia di Alessandro decise di iscriversi alla cooperativa che stava per avviare i cantieri in quella zona di Sesto. L’alloggio scelto, a conti fatti, sarebbe venuto a costare 287mila euro compresi i costi e gli oneri per il rogito notarile e la spalmatura del mutuo. Tale operazione (la spalmatura del mutuo) avviene quando il mutuo originario, inizialmente acceso per l’intero valore dell’intervento da parte della cooperative proponente, viene poi ripartito a seconda del valore gru casa manta 538di ogni singolo alloggio fra tutti i soci assegnatari. A farla breve la famiglia di Alessandro ha versato 130mila euro fino all’anno scorso quando decise, anche su consiglio del proprio legale, di fare come hanno fatto gli altri soci che si erano costituiti in comitato di accedere all’alloggio che era stato proposto dalla cooperativa anche se non esattamente corrispondente a quello prenotato. A conti fatti alla cooperativa era stato pagato anche il costo del notaio ed era pronta ad accollarsi il mutuo (circa 157mila euro) ma, finora, nessun rogito è stato firmato. Senonché, giorni addietro, è arrivata una nuova richiesta da parte della cooperativa di ulteriori 54mila euro che i soci entrati negli alloggi, adesso, si rifiutano di pagare.

Gli unici alloggi parzialmente completati e adesso abitati sono quelli di Largo Capitini ai civici 11,13 e 15 (in tutto circa 50 appartamenti) mentre quelli più ad est (quelli dove due anni fa un gruppo di edili rumeni era salito su una gru perché non venivano pagati gli stipendi) i cantieri sono ormai fermi da tempo e difficilmente potranno essere completati perché da Siena non vengono notizie positive sul futuro della cooperativa. Il che comporterebbe la difficoltà anche per una cinquantina di famiglia dei soci che ancora non hanno avuto l’alloggio.

D. C.

Standard
Campi Bisenzio

Campi Bisenzio: pratiche supplettive per i contribuenti Imu a Campi

soldi 604CAMPI BISENZIO – I contribuenti campigiani soggetti al pagamento dell’Imu sono obbligati a presentare un’ulteriore dichiarazione sul possesso di annessi (garage, cantine e immobili assimilibabili). La pratica sembra piuttosto originale poiché in altre località non è prevista tale procedura: ovvero è suficiente procedere al versamento dell’imposta e basta. Per Campi sembra che tale operazione sia stata dettata da una necessità pratica: la ex Tributi Italia, la società poi dichiarata fallita, che per anni ha provveduto a riscuotere i tributi per conto del comune di Campi non avrebbe consegnato all’amministrazione campigiana gli lenchi aggiornati dei contribuenti e degli immobili soggetti all’imposta. La cosa potrebbe creare ritardi e contestazioni sulla consistenza dell’imposta dovuto dai singoli contribuenti. Per aggirare l’ostacolo l’amministrazione comunale avrebbe così introdotta la dichiarazione (tra l’altro consentita dalla legge) in modo da avere dei punti di riferimento negli eventuali prossimi controlli sulla veridicità dei versamenti.

D. C.

Standard
Campi Bisenzio

Campi Bisenzio: graduatoria provvisoria bando Erp

caseCAMPI BISENZIO – Il Comune ha pubblicato all’Albo Pretorio (visibile online) la graduatoria provvisoria del Bando di concorso per l’assegnazione in locazione semplice di alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica Erp anno 2012. La graduatoria è visibile fino al 6 gennaio. In elenco ci sono 211 domande, mentre 77 sono quelle eliminate. Fino al 7 gennaio 2013 è possibile  presentare opposizione avverso l’esclusione dalla graduatoria o avverso la mancata attribuzione di punteggio, utilizzando esclusivamente l’apposito modulo di ricorso di cui di seguito. Le domande dovranno essere compilata su un modulo che può essere scaricato anche dal sito internet del Comune (www.comune.campi-bisenzio.fi.it). I ricorsi, debitamente sottoscritti e corredati da eventuali documenti allegati, dovranno essere presentati: all’ufficio casa del Comune o all’ufficio protocollo generale.

Standard
Calenzano, Campi Bisenzio, Piana, Sesto Fiorentino, Signa

Sesto Fiorentino: in vendita casa colonica a Le Cappelle (Poggio Bati)

La colonica in vendita alle Cappelle

La colonica in vendita alle Cappelle

SESTO FIORENTINO – Certo le cifre, in questo caso, sono importanti. Ma l’occasione è d’oro. Sotto le Cappelle tra Querceto e Settimello c’è una colonica in vendita a Poggio Bati. Si tratta di circa 400 metri quadri con annessi, cantina, garage coperto, centrale termica, magazzino arnesi. La casa è su due piani con annessi circa 3mila metri di terreno con 600 ulivi. Accesso privato con cancello automatico. Ovviamente la vista è spettacolare su Sesto e la vicina Firenze. Dalla panchina del giardino padronale si ammirano il Duomo, Palazzo Vecchio. Chi può fa un vero affare. Il prezzo è di 2,5 milioni di euro trattabili. (Per informazioni 368.3620939).

Sale – Farmhouse 400 suare meters 3000 meters cultivated land (olive trees) in locality Poggio Bati. In sale to 2,5 million euros. For information: +39 368.3620939.

Standard
Calenzano

Calenzano: convegno sull’abitare collettivo

CALENZANO – Percorsi ed esperienze dell’abitare collettivo tra cooperazione e autogestione è il tema di un convegno in programma sabato 24 novembre alle 16 alla nuova Residenza Don Marco Brogi, zona Dietro Poggio. Dell’argomento ne discuteranno l’assessore al Welfare Enrico Panzi, Dina Pasqualetti associazione Cohousing, Federica Guidotti presidente Rive e Marco Colombo della Fondazione Michelucci Onlus.

Standard