Signa

Signa: ampliato l’impianto idrovoro di Castelletti

signa cristianini paoli impiantoSIGNA – La sicurezza idraulica della Piana fiorentina e, più in generale, di tutta l’area metropolitana si arricchisce di un altro, importante tassello. Il Consorzio di bonifica Ombrone Pistoiese e Bisenzio ha inaugurato infatti stamani l’ampliamento dell’impianto idrovoro di Castelletti (comprensivo della ricalibratura dell’alveo dell’Ombrone). Ma il taglio del nastro ha riguardato anche la realizzazione della cassa di espansione a Ponte a Tignano oltre all’adeguamento funzionale (la cassa di espansione) della Gora Mazzoni. Questa la spiegazione “tecnica” della mattinata: in altre parole, quello che si è svolto a Castelletti è stato il primo atto di una giornata (“Il Consorzio di Bonifica Ombrone Pistoiese e Bisenzio tra passato, presente e futuro” il tema scelto) che si concluderà nel signa impianto castellettipomeriggio alle Scuderie Medicee di Poggio a Caiano con un convegno a cui è prevista la partecipazione, fra gli altri, di Gaia Checcucci (segretaria dell’Autorità di bacino del fiume Arno) e dell’assessore regionale all’ambiente Annarita Bramerini. Non a caso, l’impianto di Castelletti, situato fra Signa e Comeana, contribuisce a mettere in sicurezza una vasta zona, compresa quella di Candeli, a Poggio a Caiano, dove nel 1992 la sponda dell’argine cedette e gran parte del comune mediceo rimase alluvionata. Fra i presenti, oltre al padrone di casa, il commissario del Consorzio di bonifica Ombrone Pistoiese e Bisenzio, Paolo Bargellini, i sindaci di Signa e Poggio a Caiano, Alberto Cristianini e Marco Martini, il presidente della Provincia di Prato Lamberto Gestri (il presidente della Provincia di signa (14)Firenze, Andrea Barducci, sarà presente al convegno alle Scuderie Medicee), l’assessore provinciale all’ambiente Renzo Crescioli, il presidente del Consorzio di bonifica dell’area fiorentina, Marco Bottino, gli assessori signesi a viabilità e ambiente, Adriano Paoli e Federico La Placa, e l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Campi Bisenzio, Silvio Betti. Tanti i temi trattati, con la sicurezza idraulica del territorio a farla ovviamente da padrona. L’impianto di Castelletti, infatti, realizzato con il contributo della Regione, delle Province e dei Comuni direttamente interessati, è uno dei più moderni del territorio, con la sua capacità di sollevamento di 13 metri cubi e mezzo al secondo, la possibilità di essere “telecontrollato” anche solo con l’utilizzo di un semplice telefono cellulare e “l’input” di dare via al pompaggio delle acque soltanto quando il processo naturale in pratica non funziona più. In una zona in cui confluiscono diverse “gore” e che vedrà la massima potenzialità di funzionamento nel 2014. “Purtroppo – ha detto il sindaco di Signa, Alberto Cristianini – spesso non ci si rende conto dell’importanza dei lavori fatti negli ultimi vent’anni in tutta la zona. Basti pensare al milione di euro speso per la messa in sicurezza dell’Ombrone e al milione e mezzo di euro speso invece per la sicurezza del Bisenzio”. Concetti ribaditi dal sindaco di Poggio a Caiano, Marco Martini, che ha aggiunto: “Sottolinerei inoltre, proprio in un’ottica di sinergia, il ruolo fondamentale delle Province, che ancora una volta hanno dimostrato tutta la loro attenzione al territorio di riferimento”. “Siamo di fronte – ha detto Marco Bottino – a un ottimo esempio di politica idraulica sull’area vasta auspicabile anche per il futuro”. Infine, il direttore del Consorzio, Cecchi De Rossi: “In futuro potremo fare investimenti nel settore idraulico solo se si allenta il patto di stabilità”.
Pier Francesco Nesti

Standard

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...